Published On: ven, Mag 26th, 2017

Buoni fruttiferi postali 3×4 2017: Rendimento, calcolo, conviene comprarli?

Share This
Tags

I buoni fruttiferi postali 3×4 sono una tipologia di investimento a medio/lungo periodo con la quale si vincolano i propri capitali per avere un interesse alla scadenza. La forza di questi buoni fruttiferi postali è che maturano interessi ogni 3 anni.

Prima di sottoscrivere BFP 3×4 bisogna assicurarsi che il denaro che verrà sottoscritto non serva nei casi d’emergenza, perché nel caso in cui quel denaro dovesse essere svincolato prima che passino 3 anni dalla sottoscrizione non ci verrà corrisposto alcun interesse da Poste Italiane.

Non è una saggia idea sottoscrivere i buoni fruttiferi postali nel 2017, perché l’interesse si è azzerato, le Poste mettono a disposizione degli investitori altri strumenti, i buoni fruttiferi postali 3×4 non fanno eccezione, perché anch’essi sono diventati inutili, come vedremo dal calcolo degli interessi, il rendimento è diventato quasi inesistente.Buoni fruttiferi postali

Rendimento dei buoni fruttiferi postali 3×4 nel 2017

Come abbiamo già scritto in precedenza, il rendimento dei buoni fruttiferi postali 3×4 è crollato così come il rendimento di tutti i buoni fruttiferi postali, questo perché essi davano un interesse che era pari all’inflazione o poco superiore, e poiché siamo in un periodo di recessione, sono crollati i rendimenti di tutti gli investimenti “sicuri”.

Tra l’altro questi buoni fruttiferi postali non sono più sottoscrivibili.

I rendimenti dei buoni fruttiferi postali 3×4 nel 2017 sono:

  • Dal primo al terzo anno: 0,20% netto
  • Dal quarto al sesto anno: 0,40% netto
  • Dal settimo al nono anno: 0,60% netto
  • Dal decimo al dodicesimo anno: 0,80% netto

Questi interessi sono aggiornato a Gennaio 2016, periodo in cui fu eliminata la possibilità di sottoscrivere i buoni fruttiferi postali 3×4.

Conviene sottoscrivere buoni fruttiferi postali 3×4 nel 2017?

Premesso che non è più possibile sottoscrivere questi buoni fruttiferi postali, motivo per il quale la loro convenienza non ci interessa in quanto non possiamo più sottoscriverli, analizzeremo ugualmente la situazione per capire se convenga o meno investire in buoni fruttiferi postali simili ancora sottoscrivibili.

Come vedemmo anche con i buoni fruttiferi postali a 18 mesi, non conviene sottoscrivere questi titoli, piuttosto è meglio mettere questo denaro in un conto deposito che ci rende l’1% l’anno, il nostro capitale verrà tutelato dal Fondo interbancario nel caso in cui la banca fallisse, e avremo comunque un interesse di grande rispetto, a differenza di quello che otterremmo con i buoni fruttiferi postali.

Per investire i tuoi soldi in maniera intelligente ti invitiamo a leggere:

About the Author

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>